Piccolo Rifugio Onlus
Mamma Lucia Fondatrice del Piccolo Rifugio ONLUS
Residenze per disabili
Piccolo Rifugio: sei case che sono anche famiglia per circa cento persone con disabilità, in tutta Italia. Fondatrice: la serva di Dio Lucia Schiavinato.
> Home > News > Piccoli gesti, segni di carita': il volontariato con le persone con disabilita'
Piccoli gesti, segni di carita': il volontariato con le persone con disabilita'
(0) Commenti

domenica 8 settembre 2019

Ecco la testimonianza sul volontariato con le persone con disabilità di Vera Bonaita, insegnante, autrice del libro per bambini "Mamma Lucia - L'Amore Vince"

 

Mi chiamo Vera, abito a Bergamo e insegno nella scuola primaria da diversi anni. Amo molto i bambini e aiuto con gioia gli altri, soprattutto chi si trova in difficoltà. Nel tempo libero, mi piace leggere la Vita dei Santi come pure libri per bambini e ragazzi che, talvolta, scrivo io stessa come quello dedicato a Mamma Lucia, edito da Velar qualche mese fa.

Quando Teresa, presidente dell'Istituto Volontarie della Carità, mi ha chiesto di preparare una testimonianza relativa al servizio di volontariato, non ho esitato a ringraziare per questa opportunità e, così, eccomi a scrivere!

La mia professione di insegnante mi permette di vivere come missione e vocazione le lezioni e le attività con i bambini. La fantasia e la creatività mi aiutano molto nel progettare con loro le lezioni, specialmente inerenti al mondo della natura e degli animali. Oggi, però, è importante presentare ai "futuri" cittadini della Terra tematiche di responsabilità e rispetto verso il prossimo, verso le "differenze" tra fratelli, verso l'ambiente familiare e sociale che ci permette di vivere in comunione se ci impegniamo seriamente e con coraggio nelle scelte della vita.

Ecco perché ai miei alunni, durante le lezioni, sono solita raccontare del bisogno di donarsi agli altri con semplicità e con il desiderio in incontrare gli altri, chiunque essi siano. Da qui, il discorso ampio sul servizio di volontariato che i giovani, gradualmente, possono imparare per divenire se stessi e condividere l'Amore di Dio e del prossimo in un clima di serenità e in ambienti dove sono accolte persone con bisogni speciali. Tra queste, i disabili sono sempre stati i prediletti e preferiti di Mamma Lucia e per loro lei stessa si è messa in gioco con la vita per fondare i bellissimi Piccoli Rifugi, strutture che mantengono lo stile delle Case Famiglia e accolgono coloro che, per vari motivi, hanno bisogno di aiuto, morale e materiale. Tutto in un contesto di gioia e di amore, sapendo che per Lucia "L'Amore vince!".


Personalmente, non ho ancora avuto la bella opportunità di visitare e frequentare un Piccolo Rifugio, ma lo farò presto, come promesso alle Volontarie della Carità. Ciò non significa che, mentre attendo di vedere le opere di Mamma Lucia, non posso raccontare della mia esperienza al Piccolo Cottolengo Don Orione di Tortona e all'Istituto Palazzolo di Grumello del Monte.


Vado a Tortona una volta al mese circa perché più distante da dove abito; mentre frequento un giorno la settimana la struttura di Grumello. In entrambi i centri, ciò che conta è essere presente con il desiderio di donare e di ricevere: un abbraccio, un bacio, una carezza o molti di più! I piccoli gesti sono il segno della carità verso giovani e adulti che, dal grembo materno, vivono in carrozzina, immobili, oppure allettati per gravissime patologie cerebrali. Ma il "regalo" più bello è che, nonostante la sofferenza, questi "tesori" hanno sempre uno sguardo luminoso e un sorriso di pace: non è vero che si è lì davanti a quegli occhi per dare ma solo per ricevere. Ricevere Amore. Perciò, ricordiamo Lucia: "Amore vince". Non si tratta di parole o discorsi, ma di restare fissi davanti a creature che hanno un cuore grande e che traspare dalla bellezza di volti sorridenti alla vita, nonostante tutto!


Chi fa volontariato con loro, passeggia e imbocca, svolge attività di cura con gli animali e a contatto con la natura, con la musica e l'arte. Piccoli lavori che stimolano e aiutano gli ospiti a sentirsi parte della società in comunione con tutto ciò che ci circonda. I volontari mettono a disposizione il proprio tempo che non ha limiti ma che deve essere ben utilizzato per "fare cose ordinarie con amore grande", come ci insegna Madre Teresa di Calcutta. Spesso, la salute dei bimbi e dei giovani di queste strutture è cagionevole, fragile e precaria. Quando non è possibile realizzare attività come vorrebbero i volontari, si entra a far parte della Provvidenza di Dio che non lascia mancare l'entusiasmo e la certezza di "esserci" comunque e in modi diversi. Come scritto sopra, è sufficiente un incontro di sguardi per comprendere l'importanza di una presenza "viva" ed efficace che rispetta l'Altro per come si presenta e per la totalità della sua umanità.


Concludo con un pensiero di speranza: poter diventare parte della grande e bella Famiglia di Mamma Lucia e svolgere volontariato in uno dei Piccoli Rifugi. Verona potrebbe essere la tappa più vicina! Mai dire basta all'Amore del Signore e, quindi, spero di arrivarci al più presto! Grazie Lucia e grazie a Volontarie e personale di questi Rifugi di pace e gioia.

Vera Bonaita

 

Commenti:
Commenta questa news:

» Archivio » Cerca » Tags


Cerca tra le news: