Piccolo Rifugio Onlus
Mamma Lucia Fondatrice del Piccolo Rifugio ONLUS
Residenze per disabili
Piccolo Rifugio: sei case che sono anche famiglia per circa cento persone con disabilità, in tutta Italia. Fondatrice: la serva di Dio Lucia Schiavinato.
> Home > News > Ponte della Priula – L'amore di Lucia Schiavinato, la solidarieta' di Maria Antonietta Bernardi
Ponte della Priula – L'amore di Lucia Schiavinato, la solidarieta' di Maria Antonietta Bernardi
(0) Commenti

lunedì 14 marzo 2011

Il Piccolo Rifugio di Ponte della Priula ha celebrato la Festa della Donna celebrando Lucia Schiavinato, la sua fondatrice. E con lei anche Maria Antonietta Bernardi, la donna che assieme al marito Giobatta Zaina ha donato le risorse con cui la Fondazione Zaina Bernardi ha costruito il più recente dei Piccoli Rifugi.

La nostra Festa della Donna è stata "Il dono di due donne", l'evento di sabato 12 marzo che ha raccolto nel salone del Piccolo Rifugio di Ponte della Priula una sessantina di persone, tra ospiti dei Piccoli Rifugi di Ponte e Vittorio Veneto, volontari, amici, e pure il sindaco di Susegana Gianni Montesel e il vicesindaco Vincenza Scarpa.

LUCIA: EUCARISTIA E CARITA'

Ascolta qui l'intervento integrale di Silvia Fazzari.

A raccontare Lucia Schiavinato è stata la presidente dell'Istituto secolare Volontaria della Carità Silvia Fazzari.
"Cerco di darvi - ha detto Silvia rivolta chi l'ascoltava - la mia semplice testimonianza di persona che ha conosciuto Lucia e che si è sentita attratta dal suo carisma e l'ha seguita".
Ha raccontato d'una donna "semplice e umile, ma forte e decisa", "sempre generosa sia verso la società che verso la Chiesa del suo tempo".
"In Lucia ci sono sempre due poli: l'unione intima con Gesù e dall'altra il vedere Gesù vivo e presente nei poveri e nei fratelli. Ha voluto sempre unire Eucaristia e carità ".
Quando si dedica a chi ha bisogno, ha raccontato Silvia, Lucia non lo fa mai da sola, bensì coinvolge anche altri, a cui trasmette i suoi principi. E accoglie e apprezza il contributo di tutti, da chi come le Volontarie consacra tutta la vita per seguirla a chi porta solo un aiuto occasionale.
"Alle Volontarie vuole bene tanto quanto agli infermi. A loro trasmette anzitutto l'amore per l'Eucaristia, e fa capire che è l'adorazione il centro di tutto, è l'adorazione a dare forza per tutto. Dà fiducia immensa a Volontarie anche giovanissime. Perché dice: il Signore, come ha aiutato me, aiuterà anche loro".
Silvia ha evidenziato lo stile con cui Lucia è in Brasile con le Volontarie. "Non realizza nessuna opera. Per lei l'importante è annunciare l'amore di Dio anche ai fratelli più abbandonati, condividere la loro vita".
Ad inizio e conclusione del suo intervento Silvia ha ricordato le due frasi che riassumono l'insegnamento e l'azione di Lucia: "l'amore vince", "abbiamo creduto all'amore".

MARIA ANTONIETTA, DALLO STRAZIO LA SOLIDARIETA'

Ascolta qui l'intervento integrale di Fabiano Zaina.

Alessandra Del Pin, presidente della Fondazione Zaina Bernardi ha letto la testimonianza di Fabiano Zaina su sua zia Maria Antonietta Bernardi e su suo marito Giobatta, che persero tutti e tre figli in giovane età, per malattia o per incidente stradale. "La loro vita - ha scritto Fabiano Zaina - fu segnata da queste sventure, ma seppero trasformare il loro strazio in una dimensione attiva di aiuto agli altri. In un mondo in cui i valori sembrano decadere in maniera inarrestabile, queste due persone ci insegnano la via della solidarietà e dell'aiuto al prossimo".

VOCI DI DONNE

Ad intervallare le due testimonianze l'intervento delle "Voci in viaggio" Antonella Rui (volontaria dell'associazione Lucia Schiavinato) e Rosanna Carino, le cui narrazioni al femminile sono state accompagnate al flauto da Alessandra Sossai. "In omaggio agli ospiti del Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto", abbondantemente presenti, Rui ha iniziato le sue letture da una storia di Sant'Augusta, la patrona di Vittorio Veneto. Poi Ester, donna forte dell'Antico Testamento, e a seguire le vicende di donne streghe ai tempi della Serenissima Repubblica e la lettura di uno squinternato curriculum d'una giovane d'oggi, che ha molto fatto ridere gli ospiti dei Piccoli Rifugi.
Qui sotto le foto della serata "Il dono delle due donne".

Commenti:
Commenta questa news: